Vibonese – Paganese: La storia dice…

Appuntamento numero 144, la ventinovesima tra i professionisti, per una squadra campana a Vibo Valentia. E per la settima volta, nella storia, arriverà al Luigi Razza la Paganese. Orario d’inizio, domenica, alle 14,30.

I PRECEDENTI

Bilancio negativo per la Vibonese contro i campani. Appena una vittoria, tre pareggi e due sconfitte.
Il primo storico incontro risale al 13 gennaio 1952. Al gol di D’Andrea per gli ipponici rispose Matonti per gli azzurri. Risultato finale 1 a 1.
Dopo 35 anni il secondo incrocio e prima vittoria campana. Finì 0 a 1 grazie alla rete di Melito. Era il campionato Interregionale 1987-88 e alla fine di quella stagione la Vibonese arrivò ultima retrocedendo in Promozione, mentre la Paganese si salvò grazie ad un solo punto di vantaggio sulla Paolana.
Prima ed unica vittoria rossoblu, finora, nella stagione 2001-02. Finì 2 a 1 con doppietta di Pino Tortora e rete di Castellano.
Ancora una vittoria campana nella stagione 2004-05. Quella partita, che segnò il battesimo della Vibonese su Rai Sport, finì 2 a 1 per i campani. Doppio vantaggio azzurro con Scarpa e Pieraccini. Accorciò le distanze il portiere della Vibonese, Bastiera, direttamente su calcio di rinvio.
Seguirono due pareggi. Il primo per 1 a 1 nella stagione 2011-12 con reti di Doukara per i calabresi e di Luca Orlando per campani. Il secondo per 0 a 0 nella stagione 2016-17 in serie C.

LA ROSA

Pareggio interno, domenica scorsa, della Paganese all’esordio in panchina di Alessandro Erra che ha sostituito l’esonerato Fabio De Sanzo.
In porta, il titolare nelle ultime uscite, è Riccardo GALLI, 65 gare in C con Cremonese e Paganese.
Nella difesa a tre gli interpreti sono Luca PIANA, 123 gare e 4 reti in C con Como, Viareggio, Pistoiese, Pro Piacenza, Alessandria e Paganese, Paolo DELLA FIORE, 123 gare e 4 reti in serie A con Treviso, Palermo, Torino, Parma, Cesena, Novara e Siena, 169 gare e 6 reti in B con Padova, Siena, Latina e Perugia e 20 gare in C con Spezia e Paganese, e Mariano STENDARDO, 113 gare e 4 reti in B con Napoli, Messina, Grosseto e Salernitana e 179 gare e 9 reti in C con Cremonese, Salernitana, Pisa, Ternana, Treviso, Barletta, Andria, Taranto, Matera e Paganese. In alternativa ecco Piersilvio ACAMPORA, 30 gare ed una rete in C con la Paganese.
Agiscono sulla linea mediana Salvatore TAZZA, 35 gare e 2 reti in C con Reggina e Paganese, Federico NACCI, 37 gare ed una rete in C con la Paganese, Giorgio CAPECE, 25 gare in B con l’Ascoli e 167 gare e 5 reti in C con Lanciano, Ascoli, Spal, Arezzo, Cosenza, Juve Stabia, Fermana e Paganese, e Matteo Perri, 11 gare in C con Viterbese e Paganese. Un pò più avanti, a sostegno delle punte, Francesco SCARPA, 49 gare e 7 reti in B con Salernitana e Portogruaro e 208 gare e 53 reti in C con Andria, Foggia, Taranto, Savoia e Paganese. Le alternative nella zona nevralgica del campo sono Giulio CAROTENUTO, 24 gare in C con la Paganese, Gaetano NAVAS, 32 gare in C con Akragas, Reggina e Paganese, Matteo DELLA MORTE, 2 gare in B con la Pro Vercelli e 13 gare in C con la Paganese, Danilo GAETA, 2 gare in B con la Salernitana e 22 gare ed una rete in C con la Paganese, Giovanni DELLA CORTE, 110 gare e 2 reti in C con Pontedera e Paganese, e Giuseppe FORNITO, 1 gara in B con il Pescara e 105 gare e 6 reti in C con Cosenza, Messina, Catania, Trapani e Paganese.
In attacco i più gettonati sono Christian CESARETTI, 44 gare e 5 reti in B con Empoli e Frosinone e 232 gare 39 reti in C con Sangiovannese, Lucchese, Monza, Foligno, Frosinone, Pontedera, Feralpisalò, Santarcangelo e Paganese, e Giacomo PARIGI, 79 gare e 7 reti in C con Cosenza, Forlì, Akragas, Virtus Francavilla e Paganese. Prima alternativa Luca DI RENZO, appena 19 gare ed una rete in C con Teramo e Paganese ma ben 62 reti in serie D. Completa il reparto Giovanni CAPPIELLO, 31 gare e 2 reti in C con Monopoli, Andria e Paganese.

UN PÒ DI STORIA

Il miglior piazzamento della storia della Paganese è il secondo posto del campionato di Serie C 1976/77, ad appena sei punti di distanza dal Bari promosso in serie B. Il primatista di presenze in maglia azzurrostellata è Luigi Di Giaimo con 236 gare giocate nel 1971-72 e tra il 1973 ed il 1979. Franco Palladino, 78 reti, è, invece, il primatista di reti fatte con la maglia dei campani. Tra i calciatori in maglia azzurrostellata, ad essere maggiormente ricordati, Angelo Mammì che giocò 89 gare e segnò 41 reti in serie D dal 1973 al 1976 dopo aver giocato anche in serie A, per una sola stagione, con la maglia del Catanzaro nel 1971-72. Angelo Mammì fu anche allenatore dei campani e la sua prematura scomparsa, ad appena 57 anni, ha fatto sì che lo spiazzale antistante lo stadio di Pagani fosse intitolato proprio al calciatore, reggino di nascita.
Altri calciatori ad essersi messi in mostra con la maglia azzurrostellata sono Giancarlo Iannucci, 12 reti in nel 1977-78, Marco Fracas, 10 reti in C1 nel 1981-82 e 8 reti in C2 nel 1979-80, Giampiero Alivernini, 10 reti in C1 nel 1980-81, Francesco Scarpa, tuttora in rosa e 10 reti in C1 nel 2007-08, Loris Tortori, 9 reti in C1 nel 2009-10, Giuseppe Caccavallo, 14 reti in C nel 2015-16, Reginaldo, 11 reti in C nel 2016-17, la coppia Fummo e Ibekwe, 11 reti a testa in C2 nel 2006-07 conclusa con la vittoria dei play-off e conseguente promozione in C1, Luca Orlando, 16 reti in C2 nel 2011-12, Sasso e Granozzi, 11 reti in D rispettivamente nel 1970-71 e 1971-72, la coppia Castellano e Festa, 12 reti a testa in D nel 2001-02, fino ad arrivare a Gaetano Romano, capocannoniere con 20 reti nel campionato di serie D girone I 2004-05, e Giancarlo Ferrara, vicecapocannoniere nel campionato di serie D girone H 2005-06 con 19 reti e secondo solo a Giovanni Baratto del Terzigno con 20 reti.

LE SQUADRE CAMPANE A VIBO

Come già detto, per la 144esima volta una squadra campana sarà ospite della Vibonese.
Tra i professionisti sarà, invece, la ventinovesima volta. Nove vittorie, dodici pareggi e sette sconfitte il bilancio.
Tra i risultati più importanti la vittoria contro il Benevento, per 1 a 0 con rete di Orefice, nella stagione 2006-07, il pareggio con l’Avellino, per 1 a 1 con reti di Gatto per i rossoblu e di De Angelis per gli irpini, nella stagione 2010-11 ed il pareggio per 1 a 1, con reti di Franchino e Carlini, di questa stagione contro la capolista Juve Stabia. Pareggio raggiunto dalle Vespe, come tutti ricorderete, a pochi secondi dalla fine.

di Massimo Bordacchini