shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0.00
View Cart Check Out

VIAREGGIO CUP | Anche la Vibonese nel tempio del calcio giovanile internazionale

C’è anche la Vibonese al “Viareggio Cup”. Il torneo calcistico internazionale, uno dei più prestigiosi, riservato alle formazioni giovanili di tutto Il mondo. Alla settantunesima edizione squadre italiane, europee, americane, africane e oceaniche. Il meglio dei talenti del pallone. Gioielli del futuro ma qualcuno anche del presente, già pronto per il calcio che conta. Ne è sicuro il direttore sportivo della Vibonese, Simone Lo Schiavo, presente insieme al direttore generale rossoblu, Danilo Beccaria, sui campi del torneo di Viareggio: «E’ impossibile mancare a questi appuntamenti – spiega – soprattutto per società come la nostra che non possono permettersi ingaggi elevati come i club di prima fascia, e quindi costretti, nel senso positivo del termine, a rintracciare nei giovani giocatori la base della squadra che verrà. Basti pensare – continua – a quello che abbiamo fatto nella passata stagione o anche quest’anno, portando a Vibo talenti come, ad esempio, Ciotti, Malberti, Collodel, Donnarumma, Rezzi o Zaccagno. Tutti giovanissimi ma che hanno saputo dimostrare le proprie qualità sul campo. Anche tra i professionisti. Ecco – sottolinea – perché come Vibonese non possiamo permetterci di saltare questi eventi. Anche perché – rimarca – non dobbiamo dimenticare che ad oggi le normative ci impongono un numero ridotto di calciatori over (14) e che dal prossimo anno le stesse normative potrebbero diventare ancora più stringenti in questo senso. Quindi – continua – piazzare all’interno della rosa il maggior numero di giovani giocatori già pronti per il campo, diventa decisivo. E per farlo è necessario, secondo noi, avere vedere dal vivo questi ragazzi. Nei primi tre giorni di torneo, insieme al Dg Beccaria – racconta – abbiamo visto più di dieci partite. Osservato e analizzato più profili. Annotato pregi e difetti di almeno 50 giocatori». Tra loro c’è un futuro rossoblu? «Difficile dirlo oggi – spiega Lo Schiavo – di sicuro più di un nome è finito sul nostro taccuino e lo seguiremo anche in altre partite e tornei».