shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0.00
View Cart Check Out

Verso Casertana – Vibonese, -2: l’ultima volta in C finì così…

Era l’undici febbraio del 2017. Venticinquesima giornata di campionato di Serie C. Al “Pinto” si presenta una Vibonese ultima in classifica. Ogni pronostico è contro la squadra rossoblu. Al termine dei novanta minuti regolamentari a cadere però è la Casertana. Sowe e Piroska capovolgono il match nel primo tempo, nel giro di tre minuti, dopo l’iniziale ed illusorio vantaggio di Rajcic.

La cronaca di allora

Primo tempo – Discreto inizio della Casertana che aggredisce la gara e prova ad imporre il suo ritmo al match ma nessuna occasione da segnalare fino al 12’ quando i falchetti passano in vantaggio: punizione di Ramos da posizione defilata, ottima torre di Corado e colpo di testa vincente di Ivan Rajcic. L’onda d’urto rossoblù continua ad abbattersi sulla Vibonese e al 16’ è Ciotola a fare da sponda a Corado che, però, calcia alto. Brivido per gli ospiti al 18’ con Moi che mette in difficoltà il suo estremo difensore con un retropassaggio sul quale per poco non riesce ad avventarsi Ciotola, Russo risolve spazzando in fallo laterale. La Vibonese prova ad aumentare i giri del motore ma senza mai intimorire Ginestra, fino al 29’ quando Franchino mette un bel cross al centro per la testa di Sowe che non sbaglia e fa 1-1. La Casertana subisce il colpo del pari e gli ospiti ne approfittano spingendo a tavoletta sull’acceleratore. Tre minuti dopo arriva il vantaggio degli uomini di Campilongo: cross di Silvestri, spizzata di Saraniti e Piroska tramortisce Ginestra. La reazione dei falchetti arriva al 34’ con Colli che si trova sul sinistro la palla del 2-2 ma Russo dice di no, mettendo in angolo. Al 37’ è Viola ad impensierire Ginestra con un tiro insidioso ma disinnescato dal numero uno casertano. Finale di tempo nervoso con un brutto intervento di Piroska su D’Alterio, un fallo che accende gli animi con un piccolo parapiglia che viene sedato dall’arbitro con un’ammonizione a testa per Finizio e Silvestri. Termina così la prima frazione.

Secondo tempo – Ripresa che inizia come erano finiti i primi quarantacinque minuti: tanta quantità, poca qualità. I giocatori non si fanno i complimenti e nessuno tira indietro la gara. Al 12’ è Viola a commettere ingenuamente un fallo su Corado che vale la seconda ammonizione e, di conseguenza, l’espulsione. La Vibonese si compatta dietro con la Casertana che inizia il forcing alla ricerca del pareggio. Mister Tedesco prova a scuotere i suoi inserendo Cisotti al posto di Ciotola quando siamo arrivati al 19’. Il cambio non sortisce gli effetti sperati e dopo 6’ ecco l’ingresso di Taurino, esterno offensivo, per De Marco, centrocampista: la Casertana si piazza con un 4-3-3, con Colli che scala nella posizione di mezzala sinistra. Al 30’ proteste rossoblù per un contatto tra Colli e Manzo in aria di rigore ospite, Ayroldi lascia correre. Nessun reale pericolo per la porta di Russo fino ad un cross di Taurino sul quale Corado non riesce a colpire. Altre proteste al 42’ per un intervento di Sicignano su Carriero, sempre in aria ma nessun fischio. La Casertana non riesce a sfondare e impatta in una clamorosa sconfitta.

Il tabellino di allora

Casertana – Vibonese 1-2

Marcatori: (12′ Rajcic – 29′ Sowe, 32′ Piroska)

Casertana (4-3-2-1) – Ginestra; Finizio, D’Alterio, Rainone, Ramos; Carriero, Rajcic, De Marco (25′ st. Taurino); Colli (33′ st. Magnino); Corado, Ciotola (19′ st. Cisotti). A disp.: Fontanelli, Lorenzini, Diallo, Petricciuolo, De Filippo, Orlando. All.: Andrea Tedesco.

Vibonese (4-3-2-1) – Russo; Franchino, Manzo, Moi, Silvestri; Giuffrida (32′ st. Yabre), Favasuli, Viola; Piroska (16′ st. Legras); Sowe (40′ st. Sicignano), Saraniti. A disp.: Mengoni, Scapellato, Torelli, Tindo, Bubas, Cogliati, Usai. All.: Salvatore Campilongo